04-06-2018

Proposta per agevolare l'accesso ai documenti di viaggio provvisori

Proposta per agevolare l'accesso ai documenti di

La Commissione europea propone di aggiornare le norme sui documenti di viaggio provvisori dell'UE e di migliorare i loro dispositivi di sicurezza.

Dal 1996 esistono norme dell’UE che consentono ai cittadini il cui passaporto o i cui documenti di viaggio sono rubati o smarriti all’estero di ottenere documenti di viaggio provvisori. I passaporti smarriti o rubati costituiscono oltre il 60% delle richieste di assistenza consolare. Gli attuali documenti di viaggio provvisori non soddisfano tuttavia le moderne norme di sicurezza e non offrono un'adeguata protezione contro le frodi e le contraffazioni. Di conseguenza, alcuni paesi terzi sono riluttanti ad accettarli e alcuni Stati membri hanno smesso di rilasciarli ai propri cittadini.

Grazie all'applicazione delle nuove norme, i nuovi documenti di viaggio provvisori dell’UE saranno più sicuri, perché saranno dotati di elementi per la lettura ottica. Il loro formato intuitivo comprenderà uno spazio per i visti di transito necessari e i tempi di rilascio non dovrebbero superare i 3-4 giorni. La nuova direttiva migliorerà anche l’assistenza consolare a disposizione di tutti i cittadini dell’UE, anche dove non è presente un’ambasciata o un consolato del loro paese. Diventerà obbligatorio per le ambasciate e i consolati rilasciare documenti di viaggio provvisori dell'UE ai cittadini dell’UE che non hanno una rappresentanza diplomatica.

 

Erasmus plus
Portale Europeo per i giovani
Portale Dei Giovani